2020: addio Super e Iper ammortamento, benvenuto Credito d’Imposta

Come già anticipato in un precedente articolo, con la fine del 2019 il Super e l’Iper Ammortamento così come li conoscevamo escono di scena.

Fa la sua comparsa una nuova agevolazione, il Credito d’Imposta, che rappresenta una buona opportunità per quanti hanno in mente di rinnovare la propria attività con l’acquisto di beni strumentali nuovi “ad alta tecnologia” (ex Iper ammortamento)

Come funziona?

Vediamolo in uno schema riassuntivo

Tempistiche di fruizione Investimenti sostenuti dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020
Investimenti sostenuti dal 1° gennaio 2020 fino al 30 giugno 2021, purché entro il 31 dicembre 2020 l’ordine risulti accettato dal venditore e si sia provveduto al pagamento di un acconto pari al 20% del costo
Soggetti beneficiari Tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente da forma giuridica, settore economico, dimensione, regime fiscale
Soggetti esclusi Imprese in liquidazione volontaria, fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo senza continuità aziendale, altra procedura concorsuale, passive di sanzioni interdittive
Investimenti agevolabili
  • Beni contenuti nell’allegato A L. 232/2016 ( EX IPER AMMORTAMENTO) : 40% per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro
  • Beni diversi da quelli indicati dai commi 189-190 (EX SUPER AMMORTAMENTO) 6% del costo, fino a due milioni di euro
  • Beni ricompresi nell’allegato B annesso alla L. 232/2016 (BENI IMMATERIALI IPER AMMORTAMENTO) 15% del costo, nel limite di 700.000 €
  • Spese per servizi in relazione all’utilizzo dei beni di cui all’allegato B mediante soluzione di cloud computing, per la quota di competenza
Investimenti esclusi
  • Art. 164 c. 1 TUIR (mezzi di trasporto a motore, areomobili da turismo, imbarcazioni, autovetture e carovan, ciclomotori e motocicli)
  • Beni con aliquote di ammortamento fiscale inferiori al 6,5%
  • Fabbricati e costruzioni
  • Beni inseriti nell’allegato 3 L 208/2015 (condutture, reti urbane, condotte dorsali per gas naturale, materiale ferrotranviario, aereo con equipaggiamento)
  • Beni gratuitamente devolvibili
Modalità di Fruizione

AUTOMATICA, In compensazione tramite F24.Per i beni materiali si ripartisce in 5 quote annuali di pari importo; per gli immateriali in tre quote.

Occorre effettuare comunicazione al MISE.

Tempi di Fruizione Per i beni materiali ordinari il credito è utilizzabile a decorrere dall’anno successivo a quello di entrata in funzione dei beni; per gli investimenti 4.0, il credito è utilizzabile a decorrere dall’anno successivo a quello dell’avvenuta interconnessione.Nel caso in cui l’interconnessione avvenga in un periodo d’imposta successivo all’entrata in funzione, è possibile iniziare a fruire del credito d’imposta per la parte spettante nella misura del 6%.
Impossibilità del credito di imposta

NON concorre alla formazione del redditoNON concorre alla base imponibile Irap

NON rileva ai fini del rapporto di deducibilità degli interessi passivi

NON può essere ceduto o trasferito

Possibilità del credito di imposta È cumulabile con altre agevolazioni

Contattaci per tutte le informazioni: 0721 418810  info@monaldi.com

Lasciaci i tuoi dati per ricevere gli aggiornamenti su Contributi e Agevolazioni





  Ho letto e accetto la politica sulla privacy



Redazione

About Redazione

logo

Monaldi Professional Team Srl
Via Lazio, 9 - 61122 Pesaro (PU)
Telefono: 0721 418810
Fax: 0721 455556
Email: info@monaldi.com


Skype: monaldi.professional.team

Close

Contattaci per una consulenza o per maggiori informazioni!






  Ho letto e accetto la politica sulla privacy



Close

Contact us for advice or more information!






  I have read and accept the privacy policy